Cenni storici e stili-Your Sub Title Here

Cenni storici e stili

 
Il Kung Fu - 功夫 (o meglio Gōngfu, secondo l’attuale traslitterazione dal cinese) è il termine improprio con cui in occidente si unificano in un solo nome tutti i metodi tradizionali di lotta orientale che fanno riferimento alla tradizione cinese.
Di per sé significa "ABILITÀ acquisita grazie a un DURO LAVORO (allenamento) protratto nel tempo”; il termine quindi non è riferito solo agli stili di combattimento, anche un bravo pittore o un musicista diventano tali grazie al “Kung Fu”.

Volendo parlare specificamente delle Arti Marziali, esistono diversi termini per indicare il “Kung Fu”: il più utilizzato è Wǔshù (武术) che significa “Arte della Guerra” (Marte, da cui “marziale”, era il dio della guerra secondo gli antichi romani).
Dopo la fondazione della Repubblica Popolare Cinese nel1948, la Commissione Cinese per l'Educazione Fisica, volendo divulgare uno sport dalle radici tipicamente cinesi con il preciso scopo di arrivare a farlo diventare sport Olimpico, crea il “Wǔshù moderno”, le cui caratteristiche principali vengono definite nel 1956 e si basano prevalentemente su prestazioni molto acrobatiche e molto artistiche, spesso assai poco pratiche per un combattimento, con un regolamento e un metodo di punteggio di gara che ricalca quello della ginnastica artistica occidentale.
Per questo motivo chi pratica stili di tradizione più antica, o “tradizionali”, preferisce riferirsi a essi con il termine Kung Fu (Gōngfu) piuttosto che con Wǔshù.